Entra in Area Pazienti Pagina Facebook della Siu Pagina Twitter della Siu

PSA

Il PSA (Antigene Prostatico Specifico) è una proteina quantificabile nel sangue usata come indicatore di malattie della prostata.
E' un enzima, appartenente alla classe delle idrolasi, che viene prodotto dalla prostata ed è pertanto presente ad alte concentrazioni dentro le cellule prostatiche. Se esse vengono danneggiate (da ogni malattia prostatica !) la loro "perdita" di PSA nel circolo sanguigno aumenta.  Pertanto, ritrovare un PSA elevato nel sangue indica che qualcosa sta infastidendo le nostre cellule prostatiche.
La sua funzione fisiologica è quella di mantenere fluido il seme dopo l'eiaculazione, permettendo agli spermatozoi di nuotare più facilmente attraverso la cervice uterina.
Livelli ematici di PSA sotto 4 ng/mL (nanogrammi per millilitro) sono generalmente considerati normali, mentre livelli sopra i 4 ng/mL sono considerati anormali.
In realtà gli urologi tengono conto anche dell'età del paziente. Ad esempio un PSA di 2,6 in un cinquantenne possono destare sospetti, mentre in un settantenne anche un PSA di 6 può esser considerato accettabile.  
 
Cause di innalzamento di PSA: il PSA è un marker di organo, e non di patologia. Pertanto tutte le malattie alla prostata possono causare un suo innalzamento. Dato però che quello che l'urologo vuole escludere è il tumore prostatico, il PSA è considerato popolarmente solo come un marker tumorale.  Le seguenti affezioni prostatiche possono causare un innalzamento del PSA:
  • Infiammazione prostatica: prostatite.
  • Traumatismo sulla prostata (bicicletta, motocicletta, equitazione, ecografia transrettale, biopsia prostatica, cateterismo, massaggio prostatico, ..e molti altri).
  • IPB: Iperplasia prostatica benigna.
  • Carcinoma prostatico.
Cause di abbassamento del PSA: esso si riduce del 50% in uomini che assumono 5ARI (finasteride, dutasteride), una classe di farmaci usata nella cura dell'IPB e della calvizie. 
 
Livelli di PSA tra 4 e 10 ng/mL indicano un rischio di tumore più alto del normale. Quando il PSA è sopra i 10 ng/mL, l'associazione col tumore diventa più forte, tuttavia il PSA non è un test perfetto. La maggioranza di uomini con un elevato PSA non hanno un tumore, richiedono semplicemente una visita urologica e, qualora lo specialista lo ritenga necessario, monitoraggio o accertamenti.  Raramente alcuni uomini con tumore prostatico hanno livelli di PSA entro i limiti della norma. Pertanto l'informazione che dà il PSA deve essere integrata dall'esame obiettivo.
 
DISTINGUERE LE VARIE CAUSE DI AUMENTO DEL PSA:
L'uso di limiti correlati all'età migliora la sensibilità e la specificità del test. Il tasso di crescita del PSA nel corso del tempo (chiamato PSA velocity) è stato utilizzato per valutare i pazienti con livelli di PSA tra 4 e 10 ng/ml. E' pertanto importante seguire la cinetica dei movimenti di PSA nel tempo. È stato pure valutato come criterio il confronto tra livelli di PSA e misura della prostata ottenuta tramite ecografia (PSA density). Il PSA ematico può essere libero o legato ad altre proteine; la quantificazione delle frazioni di PSA libero e legato può fornire informazioni aggiuntive, ad esempio un PSA rapporto libero/totale > 17 % suggerisce più frequentemente una patologia benigna.
Un innalzamento di PSA richiede un attento monitoraggio presso lo specialista urologo e, qualora egli lo ritenga opportuno, esami più approfonditi.
 

Pubblicato il 07/06/2011 - visto 46537 volte