Entra in Area Pazienti Pagina Facebook della Siu Pagina Twitter della Siu

Sei in: ANDROLOGIA > Orgasmo

Stampa

Orgasmo

L'orgasmo è una reazione del corpo durante l'atto sessuale, conseguenza di un'intensa eccitazione delle zone erogene e degli organi sessuali.

Nella specie umana, sia uomini che donne possono avere l'orgasmo. Negli uomini si presenta come un picco rapido di eccitazione seguito dall'eiaculazione, mentre nelle donne può consistere in un periodo più esteso di sensazioni di piacere con alcuni picchi di estremo piacere, diverso dagli uomini, con un decremento delle sensazioni più lento.

L'orgasmo è per lo più associato, in ambedue i sessi, ad altri tipi di azioni involontarie, come emissioni vocali e spasmi muscolari in zone diverse del corpo, unite ad una generica sensazione di euforia. È di solito seguito da una sensazione di leggera stanchezza e da un generalizzato bisogno di riposo. Questa sensazione di rilassatezza e sonnolenza può essere attribuita al rilascio di endorfine, oltre che al naturale bisogno di riposo dopo un'intensa attività fisica. Inoltre, il maschio si trova senza sperma nei dotti deferenti e l'epididimo, dove questo viene prodotto, si mette subito a lavoro per rigenerarlo: la ricostituzione del seme richiede un dispendio energetico che coinvolge l'intero organismo.

Nei soggetti di sesso maschile, l'orgasmo è quasi sempre legato al momento dell'eiaculazione, come avviene nella maggior parte delle specie dei mammiferi.

Durante l'orgasmo, nell'individuo di sesso maschile si verificano in rapida successione contrazioni ritmiche della prostata, dell'uretra e dei muscoli situati alla base del pene; tali contrazioni servono ad espellere il seme durante quella che viene definita eiaculazione.

Il processo di eiaculazione ha una durata che varia dai 3 ai 10 secondi e provoca generalmente una sensazione di piacere intenso. L'apice dell'orgasmo dura comunque in media 3 secondi.

All'eiaculazione segue un periodo refrattario, durante il quale l'uomo non ha la possibilità di avere un ulteriore orgasmo, anzi può anche provare disturbo se i genitali vengono stimolati. Tale lasso di tempo può variare da poche decine di secondi a diverse ore, a seconda dell'età e di altri fattori individuali.

Sono rari i casi documentati di individui nei quali il periodo di refrattarietà è totalmente assente. Secondo alcune teorie questa particolarità sarebbe causata da una disregolazione della ghiandola pituitaria.[1]

La sensazione dell'orgasmo non è localizzata al solo organo riproduttivo (pene), ma è estesa anche al resto del corpo. Proprio per questo motivo può anche capitare che, in soggetti cerebrolesi, in fase orgasmica manchi il totale controllo di tutte le aree del corpo (soprattutto quelle periferiche).

 

Pubblicato il 04/10/2011 - visto 3099 volte