Entra in Area Pazienti Pagina Facebook della Siu Pagina Twitter della Siu

La nefrectomia parziale per carcinoma del rene: dalla pianificazione dell’intervento chirurgico alla sua ottimizzazione

Coordinatore: M. Battaglia (Bari)

 

PROGRAMMA:

 

  • Nuovi orientamenti classificativi nel carcinoma renale A. Antonelli (Brescia)
  • I sistemi prognostici integrati e loro impatto sulla scelta del trattamento V. Ficarra (Udine)
  • Risultati comparativi della nefrectomia parziale laparoscopica e robotica rispetto alla trifecta: ischemia calda inferiore a 25’, margini chirurgici negativi, assenza di complicanze perioperatorie A. Lapini (Firenze)
  • I trattamenti neoadiuvanti con farmaci antiangiogenici ed immunomodulanti nell’ottimizzazione della chirurgia nephron sparing M. Battaglia (Bari)
  • La mortalità non cancro-corelata dopo nefrectomia par ziale vs nefrectomia radicale: la storia naturale dela CKD indota dalla chirurgia vs la CKD medica L. Cindolo (Vasto, CH)
  • Discusione
  • Chiusura lavori

 

DESCRIZIONE:

 

Sempre più numerose sono le evidenze della associazione fra la chirurgia “nephron sparing”, la preservazione della funzione renale

ed una più lunga sopravvivenza. Il carcinoma del rene ha, com’è noto, un picco di incidenza nella sesta-settima decade di vita,

età gravata da numerose comorbidità. Dopo la evidenza che la “malattia cronica renale (CKD)” da cause mediche è associata ad

aumento della mortalità cardiovascolare, molti contributi sono stati riportati in letteratura sull’impatto della chirurgia ablativa renale,

nefrectomia parziale vs nefrectomia radicale, sulla mortalità non cancro-correlata nell’RCC. Nel corso si farà un up-date sulla storia

naturale della CKD indotta dalla chirurgia nefroablativa comparata con quella da cause mediche. Soprattutto, si cercherà di fare

luce su tutti i sistemi prognostici integrati per predire i risultati delle diverse tecniche di “nephron sparing surgery” nel centrare gli

obiettivi della trifecta: tempi di ischemia calda inferiore a 25’, margini chirurgici negativi, assenza di complicanze perioperatorie. Un

particolare risalto sarà dato ai trattamenti neoadiuvanti con la innovativa targeted therapy con farmaci antiangiogenici ed immunomodulanti alla chirurgia nephron sparing. L’obiettivo finale del corso sarà quello di fornire elementi aggiornati sulla indicazione alla chirurgia nephron sparing, basata sui parametri prognostici e, quando indicata, sul ricorso ai trattamenti neoadiunvanti innovativi con l’intento di ottimizzare la chirurgia e renderla sempre più performante nel centrare gli obiettivi della trifecta.


Categoria: Corsi Congressuali 2013


Elenco delle sessioni del corso

Selezionare una delle seguenti sessioni per prenotare l'iscrizione:

Data Inizio Data Fine Sede