Entra in Area Pazienti Pagina Facebook della Siu Pagina Twitter della Siu

Sei in: News > News

Stampa

Dietro la nicturia possibili problemi al cuore e diabete; Disturbi urinari non sempre associati a problemi alla prostata

Pubblicato il 04/08/2013 - inserito da Siu Amministratore - visto 956 volte

La nicturia potrebbe nascondere l'esistenza di un qualche problema a carico del cuore o quella del diabete.

Per nicturia si intende una condizione legata alla sindrome della vescica iperattiva che obbliga il soggetto a recarsi più volte al bagno durante la notte per urinare.

Oltre a disturbare il sonno, tale condizione potrebbe significare la presenza di patologie cardiache o di diabete: “la necessità di urinare durante la notte è un problema di immagazzinamento dell’urina, e questo disturba il sonno.

Si tratta di un segnale e può anche esacerbare altre condizioni di salute.

La nicturia, combinata con la sensazione di non essere in grado di trattenere l’urina, o la minzione frequente, suggerisce la presenza della sindrome della vescica iperattiva.

Stiamo cominciando a capire la più ampia rilevanza di questa condizione in relazione ad altri problemi di salute”, spiega il professor Gary Wittert a capo del Discipline of Medicine alla UA e Direttore dell’University’s Freemasons Foundation Centre for Men’s Health, che ha coordinato una ricerca che si è occupata del problema.

Lo studio, pubblicato sul Journal of Urology, ipotizza il legame della nicturia con problemi diversi a quelli riconducibili al malfunzionamento della prostata: “questi problemi urinari sono associati ad altre condizioni, come l’apnea del sonno, la depressione o l’ansia, e l’obesità – spiega il dottor Sean Martin, autore principale dello studio –.

La buona notizia è che molti di questi problemi sono curabili o modificabili, e lo abbiamo visto nel nostro studio che gli uomini possono superare i loro problemi urinari se i problemi di fondo sono gestiti correttamente”.

“La nicturia e la sindrome della vescica iperattiva sono anche fattori di rischio per il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari – precisa il professor Wittert –.

Spesso, quando un uomo si presenta al proprio medico di famiglia per i problemi urinari, il primo presupposto è che è tutta colpa della prostata, tuttavia, il nostro messaggio è: gli uomini che soffrono di uno qualsiasi di questi problemi di evacuazione sono anche suscettibili di essere affetti da una serie di altri problemi di salute che devono essere ricercati e gestiti. In questo modo, gli uomini hanno una maggiore possibilità di invertire i loro problemi alla vescica e potenzialmente prevenire le malattie più gravi”.

Fonte: www.italiasalute.it (Andrea Sperelli)