Entra in Area Pazienti Pagina Facebook della Siu Pagina Twitter della Siu

Sei in: News > News

Stampa

Pillola contraccettiva maschile

Pubblicato il 18/06/2012 - inserito da Siu Amministratore - visto 755 volte

Di pillola contraccettiva maschile si parla ormai da svariati anni, ma a causa dei numerosi effetti collaterali, in alcuni casi anche gravi, non si è ancora riusciti ad identificare un sistema contraccettivo valido.

 

Nell’ambito di questo campo di ricerca, un gruppo di ricercatori dell’Università di Edimburgo, sembra aver trovato il modo di aggirare l’ostacolo. Hanno scoperto, infatti, che per fermare la produzione di sperma basta “disattivare” un gene coinvolto nelle ultime fasi della maturazione degli spermatozoi che si chiama Katnal 1.

 

La ricerca è stata finanziata dal Medical Research Conuncil, e i risultati sono stati pubblicati su Plos Genetics. I ricercatori scozzesi, anziché agire sull’ormone sessuale maschile, hanno spostato la loro attenzione su un gene, il Katnal1, ritenuto indispensabile per la maturazione finale degli spermatozoi. Disattivandolo nei testicoli di cavie, infatti, hanno ottenuto risultati incoraggianti che mostravano come le cavie diventassero temporaneamente sterili. Gli esperti, sono certi di poter bloccare, spegnendo questo gene o la proteina da lui prodotta, anche la produzione di sperma sano negli uomini.

 

Con un contraccettivo non ormonale, i testicoli continuano a produrre spermatozoi, ma lo fanno con scarsi risultati qualitiativii, perché il gene in questione sarebbe in grado di fermare il processo di maturazione. L’aspetto forse più interessante riguarda gli effetti di un farmaco di questo tipo, del tutto reversibili, poiché si andrebbe ad ostacolare la prima fase della produzione degli spermatozoi e nemmeno la capacità complessiva di produrre spermatozoi.

 

 

Font:

www.plosgenetics.org