Entra in Area Pazienti Pagina Facebook della Siu Pagina Twitter della Siu

Sei in: News > News

Stampa

Allarme super-gonorrea resistente ai farmaci Molti casi segnalati in Europa

Pubblicato il 07/06/2012 - inserito da Siu Amministratore - visto 814 volte

Allarme «super-gonorrea» e carenza di terapie efficaci per chi si infetta. A lanciarlo l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che evidenzia l'importanza di un intervento urgente contro questa nuova emergenza sanitaria. Già diversi Paesi, tra cui Australia, Francia, Giappone, Norvegia, Svezia e Regno Unito, stanno infatti segnalando casi di resistenza alle cefalosporine, l'ultima opzione di trattamento contro questa malattia sessualmente trasmessa, che ogni anno colpisce 106 milioni di persone.

 

La gonorrea è una delle malattie più comuni trasmesse sessualmente nel mondo ed è diffusa soprattutto nel sud e sud-est asiatico e nell'area sub-sahariana. Solo negli Stati Uniti, secondo i Centers for Disease Control e Prevention (CDC), si stimano 700 mila casi nuovi ogni anno. Già lo scorso anno gli scienziati avevano individuato in Giappone un ceppo di «gonorrea» resistente agli antibiotici e avevano avvertito che le complicazioni avrebbero potuto essere serie e irreversibili. Adesso L'Oms ha confermato che questi timori sono diventati una realtà.

 

Secondo Manjula Lusti-Narasimhan, del Dipartimento di Salute riproduttiva e ricerca dell'Oms, la gonorrea sta diventando una sfida importante di sanità pubblica a causa dell'elevata incidenza di infezioni accompagnata da una diminuzione delle opzioni di trattamento.I dati disponibili mostrano solo la punta dell'iceberg. Senza un'adeguata sorveglianza non conosceremo mai l'entità della resistenza alla gonorrea e senza la ricerca di nuovi agenti antimicrobici, potrebbero presto non essere più disponibili trattamenti efficaci per i pazienti». Nella nota diffusa l'Oms chiede dunque una maggiore vigilanza sul corretto uso di antibiotici e più ricerca su regimi terapeutici alternativi per le infezioni gonococciche. Il Piano d'azione globale per controllare la diffusione e l'impatto della resistenza antimicrobica del batterio Neisseria gonorrea richiede anche un aumento del monitoraggio e della notifica dei ceppi resistenti, nonché migliore prevenzione, diagnosi e controllo delle infezioni gonococciche.

 

Fonte Corriere salute