Entra in Area Pazienti Pagina Facebook della Siu Pagina Twitter della Siu

Sei in: News > News

Stampa

Ossitocina e funzione sessuale maschile

Pubblicato il 04/05/2012 - inserito da Siu Amministratore - visto 1009 volte

La sua azione principale e prima conosciuta è quella di stimolare nelle donne le contrazioni della muscolatura liscia dell'utero ma recenti studi scientifici avrebbero dimostrato una stretta correlazione tra questo ormone ed una più efficiente funzionalità dell'encefalo.
Nel maschio in particolare sappiamo che l’ormone interviene nella regolazione del piacere sessuale, influenza il volume dell'eiaculato e la mobilità degli spermatozoi ed inoltre sembra facilitare l'instaurarsi di una relazione sentimentale stabile tra due persone.
L’Ossitocina sembra inoltre essere responsabile dell’aumento di empatia e comprensione dello stato d'animo altrui nonché essere un buon promotore di tutti i fenomeni ed atteggiamenti che portano ad una maggiore stima ed autostima generale ed è chiamata in causa quando è presente un forte legame emotivo - affettivo all'interno di una coppia.
Uno studio curioso, condotto analizzando topolini monogami, ha dimostrato recentemente che questi mammiferi avevano livelli di ossitocina nettamente superiori rispetto ad altri topolini di specie affini ma poligami.
Ora un altro recentissimo studio, condotto da alcuni ricercatori dell’Università Californiana di San Diego e pubblicato sul Journal of Sexual Medicine, ha messo in rilievo come l'Ossitocina, somministrata tramite spray nasale, nei maschi produce un deciso ed importante miglioramento delle loro funzioni sessuali, in particolare della libido, dell’erezione ed anche della sensazione orgasmica.
Soprattutto il desiderio, dopo trattamento, va da basso-debole a forte-deciso, ed in generale anche l'eccitazione sessuale da problematica e complessa diviene più semplice e facile.
Anche per i ricercatori californiani il preciso meccanismo d’azione di questo ormone non e' ancora completamente chiarito, ma questa ricerca conferma che livelli di ossitocina alti migliorano la risposta sessuale maschile.
Altra osservazione interessante è che l'ormone ossitocina interagisce con il sistema dopaminergico, anch’esso coinvolto nella regolare e scatenare una normale e fisiologica attività sessuale.
Queste ulteriori scoperte e conferme potrebbero indicarci nuove strategie terapeutiche, soprattutto quando ci troviamo di fronte a maschi con importanti cali del desiderio e con secondari disturbi dell’erezione e che non rispondono agli attuali e molto noti farmaci vasoattivi, già in commercio.
 
Fonte:http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22458365