Entra in Area Pazienti Pagina Facebook della Siu Pagina Twitter della Siu

Sei in: News > News

Stampa

Manovra Monti: scattano sanzioni per medici ed operatori della sanità che non raggiungono i crediti ECM obbligatori

Pubblicato il 26/04/2012 - inserito da Siu Amministratore - visto 1313 volte

SANZIONI PER IL TRIENNIO 2011-2013

La recente manovra del governo Monti ( legge n.214 del 22/12/2011, articolo 33), così come il precedente DPR n.138 del 13 agosto 2011 (convertito con modificazioni dalla legge n.148 del 14 settembre 2011), sancisce che entro il 13 agosto 2012 gli Ordini Professionali dei medici chirurghi e quelli delle professioni sanitarie non mediche dovranno stabilire le sanzioni da applicare a chi non acquisisce ogni anno i crediti ECM necessari per soddisfare gli obblighi formativi.

OBBLIGO ECM PER LA FORMAZIONE

Il numero di crediti che ogni professionista della Sanità è tenuto ad acquisire per il triennio 2011-2013 è di 150 ECM, con un minimo di 25 ed un massimo di 75 per anno. I crediti ottenibili attraverso convegni, congressi, conferenze, simposi, gruppi di miglioramento, attività di ricerca, docenze e tutoring non possono superare complessivamente il 60% delle attività formative, cioè 90 crediti nel triennio. I crediti acquisibili attraverso la partecipazione ad eventi sponsorizzati non devono eccedere un terzo del totale (50 crediti).
Nessuna limitazione è invece prevista per l'accesso ai corsi in modalità FAD
(ad eccezione degli infermieri professionali, per i quali il limite è fissato alla soglia del 60%).

L'E-LEARNING RAPPRESENTA LA MIGLIORE SOLUZIONE PER ASSOLVERE AI PROPRI OBBLIGHI FORMATIVI.

L'obbligo formativo è del singolo.
Resta comunque fondamentale il ruolo svolto da ASL, AO ed Ordini, cui SalusNet offre strumenti e soluzioni per la gestione della proprie politiche formative.

Prima dell'introduzione di questa normativa, pur essendoci formalmente l'obbligo per gli operatori della sanità di partecipare a programmi formativi, la sanzione, in caso di inadempimento o di parziale adempimento, non era ancora divenuta operativa.
Adesso che questo gap è stato colmato, i riflettori si spostano sulle sanzioni e sulle modalità attraverso cui assolvere a tale obbligo.
Considerando l'attuale contesto economico-finanziario e la sensibile riduzione dei budget, appare evidente che le attività formative debbano necessariamente coniugarsi con un contenimento della spesa e con rigore gestionale, mantenendo sempre alti i livelli qualitativi del servizio, presupposto e finalità ultima dell'ECM.

L'intervento formativo in modalità e-Learning rappresenta una soluzione concreta proprio perché è in grado di soddisfare standard di qualità a costi competitivi e contenuti.

In ambito sanitario, l'Italia risulta essere un paese ancora troppo diffidente nell'utilizzo di tali tecnologie. Abbattere le barriere culturali che vedono nella FAD uno strumento ancora poco conosciuto e diffuso, rappresenta un nostro importante ed ambizioso obiettivo.